A Napoli nuovi cimeli musicali in mostra
 







Rosario Ruggiero




Sensibile cultore di napoletanità e attento, infaticabile collezionista, Gaetano Bonelli ha raccolto in lunghi anni di sapienti ricerche uno straordinario patrimonio di reperti che copre un arco di mezzo millennio, diviso in venti aree tematiche tra le quali non manca la musica, il teatro e, più ampiamente, lo spettacolo. E giacché ha anche recentemente visto coronare il suo sogno di poter far convergere tanto sua ponderosa collezione in un museo dedicato a Napoli, grazie all’encomiabile ospitalità offertagli da quell’antica, prestigiosa istituzione partenopea che è la Casa dello Scugnizzo, oggi, per gli studiosi e gli amanti della storia della musica è possibile accedere ad un nuovo, prezioso ricettacolo di documenti.
Stiamo parlando di centinaia di locandine di antichi teatri cittadini, in buona parte risalenti a prima dell’unità d’Italia, spartiti ottocenteschi, “copielle”, ossia sottilissimi fogli sui quali, nell’epoca aurea della canzoneclassica napoletana, venivano stampate melodie  e parole, autografi di E.A.Mario, autore di innumerevoli, celeberrime canzoni e de “La leggenda del Piave”, e l’ultimo autografo conosciuto di Saverio Mercadante che nel 1870, anno della morte dell’artista, chiudeva un contratto d’affitto stipulato con un omonimo discendente di Gaetano Filangieri.
Circa il solo teatro di San Carlo, sono visibili rarità tali da non figurare neanche tra i documenti che possiede quella prestigiosissima istituzione. E sono locandine che vanno dagli inizi del XIX secolo alla metà del secolo seguente, fotografie, programmi di sala, progetti di restauri, biglietti e altre curiosità storiche.
Né mancano cimeli legati al glorioso conservatorio di San Pietro a Majella.
Insomma, a Napoli, in questi giorni, grazie al paziente, lungo lavoro e la generosità di un solo isolato mecenate, sta un po’ avvenendo, per la storia dell’arte dei suoni, l’equivalente di quello che per gli archeologi è l’apertura diuna nuova tomba egizia.









   
 



 
01-07-2019 - La Canzonetta
01-06-2019 - I musicisti hanno fantasia?
01-05-2019 - Musica d’arte e musica di consumo
01-04-2019 - Il rilancio di una regione sulle note di una canzone
01-03-2019 - Al Museo di Capodimonte la musica ai bambini
01-02-2019 - La canzone napoletana irriducibile documento sociale
01-01-2019 - Orchestre sul lungomare di Castellammare di Stabia?
01-12-2018 - L’arte di essere artisti
01-11-2018 - L’esperienza all’estero di un musicista italiano. Chiacchierata con Lello Petrarca
01-10-2018 - Cento anni fa nasceva Henryk Szeryng
01-09-2018 - Eduardo di Capua in un libro
01-08-2018 - A Napoli nuovi cimeli musicali in mostra
01-07-2018 - Nasce il Festival della Musica popolare del Sud Italia
01-06-2018 - Ricordo di Miriam Longo
01-05-2018 - Ventiquattro mani per due pianoforti

Privacy e Cookies