“Napoli: allegro, ma non troppo”, ovvero quando la musica racconta la storia
 







Rosario Ruggiero




Con due lauree conseguite con il massimo dei voti, in Giurisprudenza ed in Scienze Politiche, ed un’ampia carriera forense che lo ha visto Avvocato della Provincia, Avvocato Capo ed insignito dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli della medaglia d’oro al Merito Forense, Teodoro Cicala trova anche il tempo di coltivare una straordinaria passione per il belcanto e la tradizione musicale partenopea collezionando migliaia di rarità discografiche ed antichi grammofoni a manovella in perfette condizioni di funzionamento che gli restituiscono l’arte canora di Enrico Caruso, Beniamino Gigli o Francesco Tamagno, ma pure splendide canzoni classiche napoletane nell’interpretazione di voci storiche quando non addirittura leggendarie. Una competenza musicale, la sua, che non lesina, ed allora conferenze e libri si succedono con generosità.
Ultima sua fatica editoriale, il volume, “Napoli: allegro, ma non troppo. La canzone, colonna sonora dellanostra storia”, oltre trecento pagine, pubblicate da Grauseditore, nelle quali lo studioso sciorina doviziosamente fatti, testi e citazioni, corroborandoli con puntuali riferimenti bibliografici, realizzando un testo che, per quanto sostanzialmente riferisca, non congetturi, l’autore astenendosi da qualsiasi personale ipotersi interpretativa, resta sicuramente prezioso per ogni cultore della musica, della storia o della napoletanità.
Prefato da Ermanno Bocchini e diviso in nove capitoli (“’E prufessure ’e concertino”, “Cafè, Cafè Chantant, Cafè-concerto”, “Il Tabarin: storia e musica degli anni ’20”, “L’emigrazione tra Napoli e il mondo”, “1935-1940: Faccetta nera”, “1940-1945: Vincere! Vincere! Vincere!”, “Piedigrotta: leggenda e storia”, “Raffaele Viviani. Un artista tra la sua gente”, “Amore e sofferenza nella vita e nel canto di Enrico Caruso”), questo libro, che intende evidenziare l’arte canora come sottile documento epocale, appartiene sicuramente a quella produzione, legataalla città del Vesuvio, che fugge oleografia e folclore, per testimoniare, invece, l’impagabile contributo culturale al mondo del capoluogo campano (un contributo che pare, ogni giorno di più, ci si ostini a voler far dimenticare o ignorare) sacrificando in tal modo, e non è piccolo motivo di lode, particolarmente in questi nostri giorni tanto materialmente avidi e spiritualmente incolti, la facile popolarità a beneficio della conoscenza più autentica e profonda, il meschino commercio a vantaggio della più rigorosa etica intellettuale.   









   
 



 
01-12-2018 - L’arte di essere artisti
01-11-2018 - L’esperienza all’estero di un musicista italiano. Chiacchierata con Lello Petrarca
01-10-2018 - Cento anni fa nasceva Henryk Szeryng
01-09-2018 - Eduardo di Capua in un libro
01-08-2018 - A Napoli nuovi cimeli musicali in mostra
01-07-2018 - Nasce il Festival della Musica popolare del Sud Italia
01-06-2018 - Ricordo di Miriam Longo
01-05-2018 - Ventiquattro mani per due pianoforti
01-04-2018 - Ad Avellino i cimeli del pianista Sergio Fiorentino
01-03-2018 - Musica alla -Federico II-
01-02-2018 - MusiCapodimonte per SOS Partenope
01-01-2018 - Claudio Abbado oltre la musica nelle pagine di Maria Vittoria Arpaia
05-12-2017 - Beethoven, i motivi di un genio
01-11-2017 - L’intonazione salverà il mondo
01-10-2017 - I bambini e la musica al Museo e Real Bosco di Capodimonte

Privacy e Cookies