A Forcella la vita di Enrico Caruso
 







di Rosario Ruggiero




Alla presenza di autorità politiche si è recentemente tenuta a Napoli, nel popolare quartiere di Forcella, tra le pareti della biblioteca “Annalisa Durante”, giovane istituzione sorta dai locali di un vecchio cinema, un’iniziativa organizzata dal Club Lions Castel Sant’Elmo di Napoli, dal titolo “Amore e sofferenza nella vita e nel canto di Enrico Caruso”. Oratore (tecnicamente coadiuvato da Carlo Scippacercola e Gennaro Lieto per le proiezioni e gli ascolti discografici), Teodoro Cicala, appassionato di vocalità belcantistica e partenopea, straordinario collezionista di ben circa diecimila diverse incisioni su antichi dischi, ma pure di grammofoni elettrici e meccanici, nonché relatore in occasione di conferenze su personaggi, modalità e luoghi della canzone classica napoletana come Raffaele Viviani, i  musicisti girovaghi o il caffè concerto.
È stata così sciorinata la biografia di colui che con ogni probabilità è stato la più illustreugola d’oro di tutti i tempi, dalla nascita, in via San Giovanniello agli Ottocalli, 7, da Anna Baldini e Marcellino, operaio metalmeccanico, originari dell’attuale Piedimonte Matese, all’impiego in fonderia, a soli dieci anni, la sommaria istruzione impartitagli in principio dalla madre, le prime esecuzioni vocali in chiesa, quindi sugli stabilimenti balneari, il servizio militare iniziato, poi lasciato al fratello, il debutto teatrale, le stecche, i trionfi, la gloria, l’incontro con Giacomo Puccini, il melodramma “Fedora”, che il suo magico canto, a generale giudizio successivo, “fe’ d’oro”, gli amori, i tradimenti, la superstizione e l’esperienza discografica che ne farà il primo cantante ad incidere ben oltre un milione di copie con la sola aria “Vesti la giubba”, da “Pagliacci”, capolavoro  dell’altro grande musicista napoletano Ruggero Leoncavallo (in un’epoca, si osservi, in cui la conoscenza, la diffusione e gli spazi di utilizzazione del disco erano incontestabilmenteben meno capillari ed agevoli di oggi), inframmezzando tanto ampia illustrazione con ascolti attinti dalla pantagruelica raccolta del relatore.
Nessun particolare approfondimento critico, sostanzialmente il racconto divulgativo di una vita nata nella povertà e conclusa nella storia, ma certo operazione particolarmente congrua e preziosa nel contesto urbano scelto e nella struttura adottata che proprio quel contesto cittadino (che pure ha saputo dare al mondo dell’arte il nome di Nino Taranto) intende elevare e portare al riscatto con la cultura, la consapevolezza della migliore parte di se stessi ed altri sani valori.
Serata che non può quindi che essere salutata con encomio augurandole seguiti analoghi ed i più fausti risultati civili, nonché accogliendo e rilanciando l’osservazione, ed il sottinteso invito racchiuso, che colui che è stato tra i più grandi cantanti lirici di ogni luogo e di ogni tempo, il tenore per antonomasia, con musei già a lui dedicati in varie partid’Italia e del mondo, proprio nella sua città natale non trova ancora una istituzione pubblica stabile che lo ricordi, lo onori, lo documenti, doverosamente lo divulghi. 









   
 



 
05-12-2017 - Beethoven, i motivi di un genio
01-11-2017 - L’intonazione salverà il mondo
01-10-2017 - I bambini e la musica al Museo e Real Bosco di Capodimonte
01-09-2017 - “Napoli: allegro, ma non troppo”, ovvero quando la musica racconta la storia
01-08-2017 - A Capodimonte un esempio da imitare
01-07-2017 - Una possibile meta di vacanze musicali estive
01-06-2017 - La storia raccontata dalle canzoni
01-05-2017 - Un Don Giovanni napoletano in attesa di rappresentazione
01-04-2017 - Addio, Bruna
01-03-2017 - Nuovi dati sulla canzone “A Marechiaro”
01-02-2017 - Ultimi sviluppi del Teatro di San Carlo
01-01-2017 - Francesco Paolo Tosti a cento anni dalla morte
01-12-2016 - Ad un musicista il premio “Artista Esemplare”
01-11-2016 - Ancora una preziosa testimonianza su Giuseppe Terracciano
01-10-2016 - Giuseppe Terracciano nel ricordo di chi lo ha conosciuto

Privacy e Cookies